Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Il governo greco introdurra', nel quadro del pacchetto anticrisi, una misura, simile allo ''scudo fiscale' adottato in Italia, per incoraggiare il rientro dei capitali. Lo ''scudo'', secondo quanto emerso dopo una riunione governativa ad hoc ieri, prevede la possibilita' di rimpatriare i capitali entro sei mesi pagando una tassa del 5%. Se si vogliono mantenere i capitali fuori della Grecia si potra' farlo denunciandoli e pagando una tassa dell'8% sempre entro sei mesi.

Come in Italia, durante il periodo di grazia non vi saranno controlli sui regolarizzandi, ma successivamente le autorita' si adopereranno per avere informazioni sui conti di cittadini greci all'estero presso gli istituti bancari locali. Inizialmente l'idea di uno ''scudo fiscale'' aveva incontrato opposizione per ''ragioni etiche'' in seno al partito socialista Pasok e nello stesso governo. (ANSAmed).