Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Le prime crociere nel Mediterraneo ci sono state 130 mila anni fa, molte decine di migliaia di anni prima di quanto pensassero gli esperti. Lo ha dimostrato la scoperta di alcuni utensili in un sito archeologico sull'isola Creta da parte di un gruppo di ricercatori statunitensi, come riporta il sito del National Geographic. "Sono rimasto basito dalla scoperta - spiega Curtis Runnels dell'università di Boston - l'idea di trovare manufatti così vecchi a Creta era credibile quanto quella di trovare un iPod nella tomba di Tutankamen". A mettere in discussione molte teorie sul modo in cui la specie umana si è diffusa in Europa sono stati dei piccoli pezzi di selce lavorata a forma di ascia di 13 centimetri, un manufatto del tutto simile a quelli ritrovati nei siti in Africa dove si crede sia nata la civiltà umana.

L'isola greca è circondata da acque da diversi milioni di anni, per cui gli archeologi erano convinti che le 30 asce trovate in 9 diversi siti in giro per l'isola fossero vecchie al massimo 10 mila anni. La datazione al radiocarbonio ha invece dato un risultato del tutto diverso, con i più vecchi che sono risultati essere stati costruiti 130 mila anni fa. Secondo i ricercatori questa è la prova che a quell'epoca l'uomo era già in grado di affrontare il mare, una capacità che si credeva avesse sviluppato solo 50 mila anni fa. "Questi uomini non erano capitati per caso, erano veri e propri marinai - continua l'esperto - il fatto che abbiamo trovato le asce in nove siti implica che molte persone sono arrivate qui via mare".

I ricercatori hanno anche calcolato la possibile lunghezza del viaggio: partendo dalla Turchia i primi navigatori avrebbero dovuto fare tappe anche di 40 chilometri, mentre un viaggio dall'Africa avrebbe richiesto 200 chilometri di mare aperto. La questione di quando l'uomo abbia iniziato a fare viaggi così lunghi è ampiamente dibattuta, con molti esperti che ritengono che la prima testimonianza attendibile siano resti trovati in Polinesia e risalenti a 50mila anni fa. Questa scoperta però sembra far pendere la bilancia dalla parte di chi ritiene che le crociere siano iniziate molto prima. (ANSAmed).