Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Lo sviluppo del dialogo fra le differenti culture è alla base di del programma Euromed Audiovisual III, col quale si darà impulso a progetti da realizzare sulla sponda Sud del Mediterraneo.


La Commissione europea ha pubblicato un bando da 5 milioni di euro, per co-finanziare progetti nell'ambito del programma Euromed Audiovisual III. Obiettivo del bando è quello di contribuire allo sviluppo del dialogo interculturale e sostenere la diversità fra culture. In particolare, si punta a sviluppare e rafforzare le capacità nei settori cinema e audiovisivo nei Paesi partner dell'Ue, a promuovere una complementarietà e un'integrazione di queste industrie nella regione, oltre a rilanciare la libera circolazione di beni e servizi nel settore dell'audiovisivo.

Tutte le sovvenzioni vanno da un importo minimo di 400.000 euro ad un massimo di 1 milione di euro. Il co-finanziamento sarà al di sotto dell'80% del valore complessivo del progetto e la durata iniziale dell'azione non potrà essere inferiore ai 30 mesi e superiore ai tre anni. Gli interessati dovranno essere consorzi costituiti da due organismi dei Paesi partner dell'Ue della sponda Sud del Mediterraneo e i progetti dovranno svolgersi in almeno tre dei seguenti Paesi e territori: Algeria, Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Siria, Tunisia e Territori palestinesi. La scadenza per le domande è il primo giugno 2010.

Ulteriori informazioni sul sito Enpi