Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Il primo ministro sloveno Borut Pahor, la premier croata Jadranka Kosor e il presidente della Serbia Boris Tadic si incontrano oggi in Slovenia per colloqui di carattere informale in vista della conferenza sulla prospettiva europea dei Balcani occidentali prevista per il 20 marzo a Brdo, in Slovenia. ''L'incontro informale ha lo scopo di avvicinare le posizioni dei tre Paesi in vista della conferenza del 20 marzo che avra' il titolo: Insieme per l'Unione europea - il contributo dei Balcani occidentali al futuro europeo'', si legge nel comunicato del premier Pahor, nel quale non si precisa tuttavia se oggi si terranno incontri bilaterali o se sono previsti anche colloqui a tre.

L'incontro avra' luogo nella cittadina di Ptuj, non lontano dal confine sloveno-croato. La conferenza del 20 marzo, promossa dai governi di Lubiana e Zagabria con l'appoggio delle istituzioni europee, raccogliera' per la prima volta dagli anni Novanta i leader politici di tutti i Paesi della ex Jugoslavia e dell'Albania. Il premier sloveno ha confermato che sta lavorando affinche' siano presenti il presidente serbo Tadic e quello kosovaro Fatmir Sejdiu. La diplomazia serba si rifiuta di presenziare ad aventi ufficiali dove il Kosovo e' rappresentato come Stato indipendente, e insiste affinche' le delegazioni di Pristina abbiano un carattere di rappresentanti di un protettorato internazionale, ovvero della missione dell'Onu (Unmik).

Secondo la stampa, Pahor avrebbe trovato una soluzione di compromesso che vedrebbe Sejdiu quale rappresentante di ''Unmik/Kosovo''. Per ora, comunque, non sono ancora arrivate conferme ufficiali e il portavoce del ministero degli esteri sloveno Milan Balazic non ha potuto confermare la presenza dei due presidenti, aggiungendo che ''sono in corso tentativi'' per organizzare questo incontro. (ANSAmed).