Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Il nuovo sito dell'OICS raccoglie informazioni e documenti inerenti alla cooperazione delle regioni italiane e si propone come strumento di lavoro per coloro che sono iscritti alla long list. Prossimo obiettivo, la raccolta di tutte le iniziative di cooperazione internazionale.

Più attenzione alla proiezione internazionale delle regioni italiane e agli obiettivi della cooperazione territoriale che l’Unione Europea ha loro affidato. Più spazio a news, approfondimenti, bandi ed eventi in area nazionale, europea e internazionale. Il portale web dell’Osservatorio Interregionale sulla Cooperazione allo Sviluppo (OICS), diventato a tutti gli effetti una testata giornalistica on line, iscritta il 18/12/2009 al n. 424 del Registro della Stampa del Tribunale di Roma, raccoglie e distribuisce informazioni, dati e documenti inerenti la Cooperazione Italiana con una nuova veste grafica/editoriale ed una finestra sempre aperta sugli scenari internazionali e sulle attività di Regioni, Province autonome ed Enti locali, sui rispettivi territori, nei Paesi in Via di Sviluppo (PVS) e in quelli ad Economia in Transizione (PET) del Sud e dell’Est del mondo. L’OICS è nato nel settembre 1991 per volontà della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome italiane, come struttura comune in materia di cooperazione decentrata allo sviluppo e di sostegno ai processi di internazionalizzazione economica territoriale. Ora l’Osservatorio allarga gli orizzonti attraverso il web per tracciare il crocevia della cooperazione con un quadro aggiornato ed un metodo prospettico.

Tra le novità del portale: l’iscrizione on line alla LONG LIST di Esperti di Cooperazione Internazionale e la possibilità, per ogni candidato, di aggiornare in tempo reale il proprio profilo all’interno delle sette aree professionali previste (Amministrazione, gestione e contabilità di programmi e progetti nell’ambito della cooperazione allo sviluppo e nella relativa rendicontazione agli enti finanziatori; Assistenza giuridica per la gestione di programmi e progetti, nell’ambito della cooperazione allo sviluppo; Progettazione di programmi e progetti di cooperazione allo sviluppo; Assistenza tecnica, monitoraggio e valutazione di programmi e progetti di cooperazione allo sviluppo; Raccolta, catalogazione e gestione dati di programmi e progetti, nell’ambito della cooperazione allo sviluppo; Amministrazione e segreteria; Comunicazione pubblica e relazioni esterne).

L’ambizione è di produrre in futuro, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, una raccolta di tutte le iniziative di cooperazione internazionale promosse da Regioni e Province autonome italiane, considerando anche quelle co-finanziate dal Governo italiano, dalla Commissione Europea, dalle Agenzie delle Nazioni Unite o da Istituzioni Finanziarie Internazionali. Tali informazioni saranno inserite in un data base del portale OICS, da collegare alle Banche Dati del Ministero degli Affari Esteri, dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI) e dell’Unione delle Province d’Italia (UPI). In tal modo sarà possibile accedere ad una Banca Dati della Cooperazione Internazionale Italiana completa e multilivello, che entrerà successivamente in rete con quelle della Commissione Europea e di altri Paesi.

Visita il nuovo portale della cooperazione delle regioni italiane www.oics.it e iscriviti alla newsletter compilando l’apposito modulo a questo link