Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Presentato il Programma Operativo Interregionale Energie Rinnovabili e Risparmio Energetico 2007-2013 (POI Energia): si tratta del primo degli info-day previsti nelle quattro Regioni dell’Obiettivo “Convergenza".

Rossana Interlandi, Direttore Generale del Dipartimento Energia della Regione Sicilia, ha aperto i lavori evidenziando l’innovatività di un Programma che può essere considerato come una vera e propria risorsa anticrisi e può dare origine a una terza rivoluzione industriale. Il futuro energetico della Regione Siciliana dipende infatti anche da questi fondi, che incentivano la “sostenibilità e la sicurezza energetica e possono determinare una generale crescita economica, utile alla creazione di  nuovi posti di lavoro”.

Luca Limongelli, Autorità di Gestione del POI Energia, si è soffermato sullo stato dell’arte e sulla necessità di lavorare in direzione di una semplificazione delle pratiche e delle procedure per l’assegnazione dei fondi, in modo da facilitare l’accesso e l’utilizzo secondo gli obiettivi posti dal Programma.

Per il Ministero dell’Ambiente, Antonio Strambaci Scarcia, DG per lo Sviluppo Sostenibile, il Clima e l’Energia, ha evidenziato il duplice aspetto del POI Energia: uno relativo alla produzione di energia da fonti rinnovabili e l’altro focalizzato sul risparmio energetico ottenuto tramite azioni di efficientamento, ma anche attraverso la diffusione e la sensibilizzazione alle buone pratiche negli enti pubblici, negli ospedali, e non solo. Strambaci Scarcia ha annunciato a questo proposito la pubblicazione di un avviso pubblico,  rivolto alle Aziende Sanitarie Locali ed alle Aziende Ospedaliere delle quattro regioni Obiettivo “Convergenza” (Calabria, Campania, Puglia, Sicilia). Il bando finanzierà Interventi di efficientamento energetico degli edifici e utenze energetiche pubbliche ad uso pubblico e interventi sulle reti di distribuzione del calore, in particolare da cogenerazione e per teleriscaldamento e teleraffrescamento. Disponibili 60 mln di euro per un massimo di cinque interventi in ciascuna delle Regioni coinvolte. Le manifestazioni di interesse dovranno pervenire entro le ore 12.00 del 7 giugno 2010. (bando integrale su www.minambiente.it e www.poienergia.it).

È stata anticipata anche la prossima attivazione di un analogo intervento per piccoli comuni, borghi antichi e di pregio, al quale il Ministero riserva una copertura finanziaria di circa 240 mln Euro.

Per il Ministero dello Sviluppo Economico - DG Energia Nucleare, Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica, Claudio Genovese ha illustrato gli interventi già attivati riguardanti le cosiddette “reti intelligenti”. Al momento sono quattro gli interventi sperimentali realizzati in accordo con ENEL per ciascuna delle regioni interessate; i prossimi riguarderanno l’adeguamento e potenziamento delle reti elettriche. Al termine un confronto di esperienze da parte di alcuni esponenti delle regioni Obiettivo Convergenza, con i contributi di Ilario De Marco per la Regione Calabria e Felice Lucia per la Regione Campania.