Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



I negoziati di adesione della Turchia all'Unione europea riusciranno ad avanzare prima della scadenza del periodo di presidenza spagnola dell'Ue, cioe' fine giugno. E' quanto ha assicurato il ministro degli Esteri spagnolo, Miguel Angel Moratinos, al termine della sessione straordinaria del Consiglio di associazione Ue-Turchia tenuto a Bruxelles, che segna cinquant'anni dall'inizio dei colloqui bilaterali per l'ingresso di Ankara nell'Unione europea.

''Entro la fine del periodo di presidenza di turno spagnola dell'Ue - ha detto il ministro spagnolo - si apriranno senza dubbio nuovi capitoli dei negoziati di adesione della Turchia, non posso dire quali''. ''Quest'anno sara' possibile aprire due nuovi capitoli'' ha aggiunto il commissario europeo per l'Allargamento, Stefan Fule. Sul tavolo delle trattative tanti settori ancora da discutere, dalla concorrenza alla sicurezza sociale, fino ad energia e istruzione.

Il ministro degli Esteri turco, Ahmet Davutoglu, ha ribadito la determinazione di Ankara in direzione dell'adesione all'Ue e il dovere di rispettare gli impegni presi.  ''Pacta sunt servanda: non vogliamo ostacoli politici che nulla hanno a che fare con l'adesione'' ha detto Davutoglu.