Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.



Raggiungere al piu' presto lo statuto di partner avanzato  con l'Ue. E' uno degli obiettivi, secondo l'Afp, che la delegazione tunisina intende portare avanti oggi nel corso della riunione del Consiglio di associazione Tunisia-Ue, la prima dopo la rielezione del presidente tunisino Zine El Abidine Ben Ali.

Diversi i dossier politici sul tavolo che saranno affrontati dal ministro degli Esteri maghrebino, Kamel Morjane, e dal suo omologo spagnolo, Miguel Angel Moratinos. ''Ancorandosi allo spazio euro-mediterraneo, la Tunisia ha compiuto liberamente una scelta strategica'', hanno fatto sapere fonti governative tunisine.

Nel novembre 2008 Tunisi aveva espresso il proprio desiderio di ottenere uno ''statuto avanzato con l'Ue''. Fino a oggi, tuttavia, il Marocco e' l'unico Stato nordafricano ad avere ottenuto lo statuto avanzato. Nel corso degli incontri, il governo tunisino proporra' a Bruxelles la propria strategia e le modalita' messe in atto per accedere allo statuto. Tra le misure auspicate dall'Ue: un maggiore dialogo politico sullo stato di diritto, piu' democrazia e una buona governance. A sostenere la richiesta tunisina: oltre alla Francia - primo partner commerciale del Paese - anche l'Italia. Nel 1995, la Tunisia ha siglato l'accordo di partenariato con la Comunita' europea, il primo Stato della sponda Sud del Mediterraneo a essersi legato all'Europa.