Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Si è svolta nei giorni scorsi presso l’Assessorato al Mediterraneo la conferenza stampa a conclusione del progetto “Njegusi Cooperation”, finanziato dalla Regione Puglia attraverso i fondi della Legge n.20/03.



Sensibilizzazione sui temi dell’Unione europea, integrazione con le amministrazioni locali, marketing territoriale e incontri con le aziende del settore agroalimentare: queste le varie fasi del Progetto Puglia-Montenegro “Njegusi Cooperation”, i cui risultati sono stati presentati nei giorni scorsi, nel corso di una conferenza stampa presso il Servizio Mediterraneo. Finanziato dalla Legge regionale n. 20/2003 - Partenariato per la Cooperazione, il progetto è promosso dall’Associazione SMILE Puglia e ha interessato Njegusi, un piccolo villaggio del Montenegro, a pochi chilometri dal comune capoluogo, Cetinje.

Francesco Errico, Direttore Smile Puglia e Direttore del progetto ha sottolineato le grandi opportunità che propone una partnership tra Puglia e Montenegro, oggi finalmente approfondita con diversi e produttivi incontri.

Pierluigi Morizio, consulente per l’area comunicazione, ha illustrato il percorso svolto soffermandosi  sulla eccellente risposta degli imprenditori montenegrini e sulla possibilità di aprire un corridoio privilegiato tra le due economie.

Momo Dapcevic, funzionario del Direttorato Governativo per lo sviluppo delle PMI del Montenegro, ha rilevato che non solo il comparto alimentare (oggetto dell’iter progettuale) ma anche altre aree produttive potrebbero essere coinvolte.

Flavia Chirianni, dirigente dell’Ufficio Pace, Intercultura e Integrazione fra i Popoli dell’Assessorato al Mediterraneo, ha concluso ringraziando ambo le parti per la grande professionalità dimostrata nel portare a compimento un progetto finanziato con le sole risorse regionali, che pure ha prodotto risultati estremamente concreti. Il suo auspicio è che questo sentiero che si è aperto segni l’avvio di una collaborazione continua, per eventuali nuovi progetti.

Hanno partecipato inoltre Giampaolo Busso per Jadran Most (partner del progetto) e Massimiliano Tupputi, consulente del progetto, area commercializzazione ed internazionalizzazione.

Per informazioni sulla Legge 20/2003 e sui progetti approvati e finanziati consultare la scheda sintetica a cura della Redazione Europuglia.