Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}Sbloccato l’Accordo di stabilizzazione e associazione (Asa) fra Ue e Serbia, tappa fondamentale sulla strada di avvicinamento del paese balcanico all’Unione, si aspetta lo status di paese candidato alla Ue a metà del 2011.



L’impegno della Serbia a lavorare per rafforzare la cooperazione regionale nei Balcani e favorire la riconciliazione fra i Paesi della ex Jugoslavia coinvolti nelle guerre fratricide degli anni Novanta è stato sottolineato dal ministro degli Esteri Vuk Jeremic, che ha auspicato al tempo stesso una rapida integrazione di tutti gli stati dei Balcani occidentali nell'Unione europea.

È essenziale favorire rapporti di buon vicinato nei Balcani occidentali, e a questo scopo, è indispensabile una piena riconciliazione regionale”, ha detto Jeremic intervenendo a Budva, sulla costa adriatica del Montenegro, a una riunione dei ministri degli Esteri dei paesi dell’Iniziativa Centro Europea (Ince), alla quale per l’Italia era presente il ministro Franco Frattini.

In fatto di riconciliazione Jeremic - come riferito dalle agenzie a Belgrado - ha sottolineato l’importanza della dichiarazione di condanna del massacro di Srebrenica adottata dal parlamento serbo alla fine dello scorso marzo, sollecitando prese di posizione analoghe di riconoscimento dei crimini da parte dei parlamenti degli altri paesi coinvolti nei conflitti balcanici. Rilevando la necessità di trovare una soluzione di compromesso sul Kosovo - del quale Belgrado non riconosce l’indipendenza - Jeremic ha ribadito che la piena integrazione della Serbia nella Ue è l’obiettivo prioritario strategico del governo di Belgrado.

Il capo della diplomazia serba ha quindi espresso grande soddisfazione per la decisione presa in questi giorni dai ministri degli Esteri della Ue di sbloccare l’Accordo di stabilizzazione e associazione (Asa) fra Ue e Serbia, tappa fondamentale sulla strada di avvicinamento del paese balcanico all’Unione, affermando che ora è necessario conferire alla Serbia lo status di paese candidato alla Ue. A Belgrado ci si aspetta che ciò avvenga a metà del 2011.

Fonte: ANSA.