Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

''Pensiamo che tramite l' Obiettivo 3 e i programmi ad esso correlati dall' Unione Europea sia possibile costruire reti partenariali molto intense con tutti i Paesi del Mediterraneo,...

...dalla sponda orientale dell' Adriatico che e' quella che ci interessa piu' direttamente in questa fase, e di cui parliamo oggi, ai Paesi della sponda sud, Medioriente e Africa settentrionale, su cui siamo gia' in rete per una serie di progetti attivati''. Lo ha detto l' assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, Silvia Godelli, intervenuta a Lecce ad un incontro sulla programmazione comunitaria 2007-2013 e sul nuovo Obiettivo 3 per la cooperazione territoriale tra le sponde italiana e greca: questa riguarda le aree elettive Bari-Brindisi-Lecce, le isole di Jonio ed Epiro e la Grecia occidentale. ''Siamo all' avvio della nuova programmazione comunitaria 2007-2013 - ha detto Godelli - con l' Obiettivo 3 attraverso il quale si interverra' sulle politiche comunitarie, riprendendo finalmente le strategie e gli obiettivi dell' intesa di Barcellona del 1995 che era rimasta un po' latente in questo periodo''. L' assessore al Mediterraneo della Regione Puglia ha ricordato che ''gli obiettivi sono quelli di intervenire su tutti gli ambiti dell' attivita' di programmazione che vanno dall' imprenditorialita' a ricerca e innovazione, trasporti, relazioni culturali, formazione e politica dell' occupazione''. ''Stiamo ovviamente contrattando - conclude l'assessore - le risorse da assegnare. Siamo ancora al 2006, le quantificazioni non sono ancora pronte. Naturalmente mi permetto di dire che saranno tanto piu' cospicue quanto piu' noi saremo attivi, pronti e capaci".


Fonte: Ansamed