Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Dal 30 settembre al 3 ottobre si è svolta una missione istituzionale in Egitto, nell’ambito del “Programma di sostegno alla cooperazione regionale” promosso dal Ministero degli Affari Esteri – Direzione Generale Mediterraneo e Medio Oriente.

La delegazione italiana era composta dall’Assessore al Mediterraneo della Regione Puglia, Silvia Godelli, da rappresentanti delle istituzioni regionali coinvolte, tra cui il Dirigente del Settore Mediterraneo Bernardo Notarangelo,  e da esperti tematici. L’obiettivo della missione era confrontarsi con i partner egiziani su progetti riguardanti lo sviluppo socio-economico, trasporti e logistica, ambiente e sviluppo sostenibile, dialogo e cultura, sanità e welfare; vale a dire le linee tematiche individuate dal Programma.
La delegazione ha incontrato il sottosegretario del Ministro alla Cooperazione Internazionale, Mrs Zahia Abu Said, l’ambasciatore italiano in Egitto, Antonio Badini, ed altri rappresentanti del Governo egiziano.
Il Programma si pone come obiettivo generale il rafforzamento delle competenze in materia di cooperazione interistituzionale del Ministero degli Affari Esteri e delle Regioni, nell’ambito dei processi di apertura internazionale dei territori, facendo riferimento ai nuovi programmi di assistenza esterna per la promozione della cooperazione di prossimità e di preadesione, coerentemente agli indirizzi strategici definiti dalle delibere CIPE (n.17/2003 e n.83/2003) da cui derivano i fondi per il sostegno del Programma ( a valere anche sulla delibera CIPE 139/1999).