Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}''Sollecitare la curiosita' intellettuale di coloro che non sanno o non hanno avuto la possibilita' di vivere direttamente un'esperienza orribile del secolo scorso e nello stesso tempo spingere i giovani ad interessarsi...

...di vicende ed esperienze che hanno segnato il Novecento e che richiedono riflessione ed attenzione''. E' questo lo scopo di iniziative promosse dalla Regione Puglia in occasione della Giornata della Memoria il cui senso e' stato spiegato dal presidente del Consiglio regionale, Pietro Pepe,e dall'assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, intervenuti oggi alla proiezione del film 'Il grido della terra' tenuta a Bari nella Cittadella della cultura. La 'Giornata della Memoria' viene commemorata in Puglia con tre distinti appuntamenti, che si svolgeranno da oggi al 29 gennaio. ''Ricordiamo - ha spiegato Pepe - il momento in cui il mondo conobbe l'orrore dei campi di sterminio nazisti celebrando l'anniversario dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz del 27 gennaio 1945, data simbolo della liberazione dall'occupazione nazista di cui ricorre il 62/mo anniversario. Riempiamo di contenuti la nostra memoria, assicurandola ad un monito per tutte le generazioni: che non abbia piu' a ripetersi l'orrore''. Pepe, ringraziando la Teca del Mediterraneo, il Centro di documentazione del Consiglio regionale, l'Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo (Ipsaic) e la fondazione Gramsci per l'impegno organizzativo, ha poi ricordato l'importanza data dalla Regione agli strumenti culturali: ''Oggi presentiamo il volume 'Gli ebrei in Albania', un'opera curata dal direttore dell'Ipsaic, Vito Antonio Lezzi. Un'occasione di riflessione sulla sofferenza causata dalla guerra grazie ai documenti conservati nell'Archivio centrale di Stato di Tirana, che gettano nuova luce sulle relazioni italo-albanesi''. Per l'assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, l'opera della Regione e' ''un lavoro di ricerca e recupero della memoria, di coinvolgimento e sensibilizzazione delle giovane generazioni sul tema dell'impegno contro il razzismo e ogni forma d'intolleranza e discriminazione''.
Fonte: ANSAmed.