Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

E’ stato siglato stamani a Bari l’accordo di collaborazione tra Puglia e Montenegro, approvato dal ministero degli affari esteri italiano, che punta a rilanciare le relazioni transfrontaliere rinnovando la tradizionale amicizia tra Puglia la regione italiana e la repubblica balcanica. “La Puglia è la nostra porta di ingresso in Europa”, ha sottolineato il vicepremier montenegrino Miroslav Ivanisevic che era accompagnato dalla viceministro per le relazioni economiche internazionali Nada Mihailovic e dal console generale di Serbia e Montenegro Zeliko Stamatovic. ”Dall’accordo - ha proseguito il vicepremier montenegrino - ci aspettiamo una intensificazione delle relazioni economiche e l’avvio di una cooperazione nel settore sanitario”. Ivanisevic ha anche consegnato al presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, un messaggio personale del premier Milo Djukanovic. Per Vendola l’accordo s’inserisce pienamente nella nuova strategia di attenzione verso l’area balcanico-mediterranea: “Dobbiamo guardare ai Balcani - ha detto - non semplicemente come ad un mercato da conquistare ma come ad una postazione strategica del futuro dell’Europa”. A gennaio, su iniziativa dell’assessore regionale al Mediterraneo, Silvia Godelli, sarà insediato il tavolo istituzionale di concertazione con la partecipazione di ministri montenegrini ed assessori pugliesi per “discutere - ha precisato Godelli - su come utilizzare al meglio i programmi comunitari Interreg, dell’estensione al Montenegro dell’accordo sulle ospedalizzazioni in Puglia dei bambini e dei casi non curabili a Podgorica e di concertazione in materia di sviluppo turistico”. La viceministro Nada Mihailovic ha sollecitato l’adozione di una comune iniziativa a sostegno dello sviluppo delle piccole e medie imprese in Montenegro. E’ da sottolineare che l’Italia è il primo partner commerciale del Montenegro e la quasi totalità delle merci destinate al paese passa attraverso il porto di Bari.

Fonte: Gazzetta on the web