Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

La Banca Mondiale ha stanziato 23 milioni di dollari per un progetto incentrato sullo sviluppo e la protezione dell’area costiera dell’Albania. Le attività previste dal progetto sono divise in due fasi, denominate “Integrated Coastal Zone Management” e “Clean-Up Programmes”. La prima fase sarà finanziata con 13 milioni di dollari dalla Banca Mondiale, così come dal governo albanese e da quello della Danimarca che hanno stanziato, rispettivamente, 4,3 e 3,6 milioni di dollari. Il Global Environment Fund ed il governo giapponese contribuiranno invece alla seconda parte del progetto con 0,9 e 2.23 milioni di dollari. Questa fase delle attività comprende la bonifica della area di Porto Romano dall’inquinamento chimico, oltre alla riduzione dell’inquinamento urbano nelle città di Durazzo, Lezhe/Shengjin e Saranda. Il progetto a favore delle aree costiere ha l’obiettivo di proteggere le risorse naturali della regione e sostenere il possibile sviluppo del turismo sostenibile.

Fonte: Informest