Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

{mosimage}

Il Segretariato Tecnico del Corridoio Pan Europeo VIII ha ottenuto dalla CEI-Central European Initiative il co-finanziamento dello studio di prefattibilità «Railways Cross Borders Pre-feasibility Study for Corridor VIII». Lo studio, realizzato a valere sui fondi della legge 84/2001 per la cooperazione nei Balcani, affronterà il nodo delle connessioni ferroviarie transfrontaliere (Albania-FYR-Macedonia-Bulgaria) tra i Paesi membri del Corridoio VIII, al momento l’aspetto più urgente relativo alle comunicazioni lungo il tracciato del Corridoio. Sarà valutata la condizione attuale delle aree interessate, saranno esaminati i progetti in corso di realizzazione e quelli previsti sia dalle Autorità nazionali dei Paesi membri, sia dalle organizzazioni internazionali.

Lo studio avrà anche il compito di identificare e valutare quali tra i progetti siano più idonei all’effettiva realizzazione, alla ricerca di un più elevato livello di dettaglio di quelli fin qui realizzati, in modo da definire standard, metodologie e specifiche tecniche da applicare a future gare d’appalto, nonché predisporre la documentazione ai fini della presentazione presso le Istituzioni Finanziarie Internazionali (IFI). Le attività saranno condotte da un gruppo di lavoro coordinato dall’arch. Michele Grimaldi, Project Manager del Segretariato del Corridoio VIII, e composto dai rappresentati del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, da RFI-Ferrovie Italiane, dai rappresentanti dei Ministeri dei Trasporti e delle Autorità Nazionali Ferroviarie dei Paesi interessati dal tracciato del Corridoio. Il programma preliminare delle attività è così stabilito: a) Sei sessioni di lavoro da tenersi una volta al mese per 5-6 mesi; b) Il risultato delle attività sarà pubblicato (in italiano e inglese) in un rapporto finale che verrà reso disponibile entro la fine del 2005.

Fonte: Gazzetta on the web