Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dedicano due giorni di lavoro al tema delle “Nuove forme di cooperazione territoriale”. L’1 e 2 marzo 2016, a Roma, riflettori accesi sui Programmi ESPON 2020 ed URBACT III, sul caso studio dell’area alpina e la “Rete delle città Italia”.

Il primo giorno sarà interamente dedicato alla nuova governance del Programma ESPON 2020 (GECT autorità di gestione, copertura territoriale, budget), ma anche alla mission del nuovo Programma comunitario: obiettivi, target groups, assi prioritari e obiettivi specifici, comprese le 7 Applied Research oggetto delle Calls for Tender concluse, la comunicazione delle Invitation for proposal aperte per le Targeted Analyses, le opportunità e gli orientamenti possibili per i diversi stakeholder.

Il secondo giorno, invece, focus sugli strumenti di cooperazione ed il caso studio dell’area alpina, dall’esperienza della Convenzione delle Alpi per la cooperazione territoriale al caso studio dei Cambiamenti Demografici nelle Alpi, insieme all’agenda digitale per le Alpi. A seguire, una Tavola rotonda “Dalla tutela del territorio al presidio del territorio: strumenti, programmi e strategie”, un panel di approfondimento sul Programma URBACT III (la prima call e anticipazioni sulle prossime) ed interventi su “La Rete delle città Italia”.

In allegato programma e scheda di registrazione alla due giorni (è possibile registrarsi entro il 24 febbraio 2016).