Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Crescita blu, “connettere la regione”, qualità ambientale e turismo sostenibile: sono i pilastri della strategia per la Macroregione Adriatico-Ionica (Eu Strategy for the Adriatic and Ionian Region - Eusair) sui quali la Regione Puglia conferma a più livelli il proprio contributo con l’idea sinergica di rafforzare l'attrattività, la competitività e la connettività in area Adriatico-Ionica.

In primis, la Puglia esprime la sua capacità di risposta alle opportunità messe a disposizione dell'Unione europea con progetti concreti e coerenti con la strategia EUSAIR nei Programmi 2014-2020: POR Puglia, IPA Italia-Albania-Montenegro, Programma Grecia-Italia e, in particolare, ADRION, una prima occasione di finanziamento per Eusair che non prevede fondi aggiuntivi, né una legislazione ad hoc, e neppure nuove strutture istituzionali. Sia il Programma di Cooperazione Territoriale Europea “Adriatico-Ionico” che la strategia per la Macroregione, infatti, coinvolgono la stessa area geografica: 4 Stati membri Ue (Croazia, Grecia, Italia, Slovenia) e 4 paesi non UE (Albania, Bosnia - Erzegovina, Montenegro, Serbia) che lavorano su aspetti culturali, economici e ambientali comuni, per garantire a ognuno pari opportunità di sviluppo. Un obiettivo per cui la Puglia è particolarmente impegnata e ora, nel periodo di selezione della prima call for proposals ADRION, attende il risultato di un’intensa attività di supporto agli stakeholder pugliesi che hanno presentato oltre 30 progetti in fase di candidatura.

Come parte attiva nel processo di costruzione della Macroregione Adriatico-Ionica, in generale, la regione del presidente Emiliano aderisce al consorzio di Regioni Europee "Adriatic Ionian Macroregional Strategy", costituito nell’ambito degli Open Days 2016. Due sono le occasioni più recenti di promozione e supporto alle azioni di investimento nella Macroregione Adriatico-Ionica: la prima a Bari, nel settembre scorso, durante il convegno “Capitalizzare in EUSAIR: le opportunità della cooperazione territoriale europea per il Pilastro 4 Turismo sostenibile”, alla presenza tra gli altri di Bernardo Notarangelo – Direttore del Coordinamento delle Politiche Internazionali della Regione Puglia (referente regionale EUSAIR) e di Mirela Kumbaro, Ministro della Cultura albanese. Nei giorni scorsi a Bruxelles, inoltre, attraverso l’intervento di Paolo Casalino – Direttore dell’Ufficio della Regione Puglia per i Rapporti con le Istituzioni dell'Unione Europea, il confronto e il dibattito sulle sfide future è continuato nel corso della conferenza “Delivering #EUSAIR: time to invest” che ha riunito rappresentanti politici, delle istituzioni dell'UE ed esperti regionali nell’ambito dell’edizione 2016 della “European Week of Regions and Cities” (10-13 ottobre).

Consulta le schede di approfondimento a cura della Redazione Europuglia:
- Strategia Macroregionale Adriatico – Ionica (EUSAIR)
- Programma INTERREG “Adriatico-Ionio” (ADRION)