Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il futuro dell’Unione Europea, i principi e le istituzioni dello Stato Federalista, la pace nel mondo globalizzato, il ruolo dell’Unione Europea nella nuova stagione di diritti e libertà nei Paesi Arabi, le politiche europee nei campi dell’energia, dell’ambiente e della ricerca scientifica, la proposta dei federalisti per un nuovo ordine economico-monetario internazionale. Sono i temi che saranno affrontati dal 2 al 7 settembre a Ventotene (Latina) durante il seminario “Il Federalismo in Europa e nel mondo”.


Il consigliere regionale del Partito Democratico Ruggiero Mennea parteciperà al trentunesimo seminario di formazione federalista, in rappresentanza dell’Alda (Associazione delle agenzie della democrazia locale) di cui fa parte, e a sua volta in rappresentanza della Regione Puglia. Il suo intervento, in particolare, è previsto venerdì 7 settembre nel corso della tavola rotonda “Un piano europeo per lo sviluppo sostenibile”. Tra gli altri, anche Alfonso Iozzo, del Comitato Centrale Movimento Federalista Europeo, Gianni Pittella, vice presidente del Parlamento Europeo, Renata Polverini, Presidente della Regione Lazio, Fabrizio Saccomanni, Direttore Generale della Banca d’Italia, e Michele Ruta, Counsellor Economic Research Division del WTO.

“Questioni centrali per il futuro non solo dell’Italia – ha sottolineato Mennea - ma anche della Puglia, che deve avere un ruolo centrale in Europa e soprattutto nel collegamento tra il Vecchio Continente e il Mediterraneo. Anche il federalismo è un argomento che merita approfondimento. La Puglia è avanti rispetto alle altre regioni del sud, ma se vogliamo continuare ad essere la locomotiva del Mezzogiorno dobbiamo essere pronti ad affrontare le nuove sfide e confrontarsi con le altre realtà non può che portare benefici. Sono consapevole di quanto il Presidente Vendola ci tenga a questi temi e sono fiero di poter rappresentare non solo la Puglia, ma l’intera Associazione delle agenzie della democrazia locale in un consesso del genere”.