Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Dopo che il ‘Manifesto dei Cittadini per la Salute e l’Ambiente’ è stato adottato durante l’evento nazionale presso la Rappresentanza del Parlamento Europeo a Roma il 24 gennaio, il progetto COHEIRS si avvia verso il suo evento finale. Dal 13 al 15 marzo, i partner del progetto si incontreranno a Brindisi per discutere i risultati e le buone pratiche emerse durante le attività, iniziate in aprile 2013.

Il progetto COHEIRS – uno dei più significativi per ALDA negli ultimi anni – ha riunito 17 partner da tutta Europa, promuovendo la partecipazione attiva dei cittadini creando gruppi di cittadini sulle tematiche della salute e dell’ambiente.

Finanziato dal programma europeo ‘Europa per i Cittadini’, il progetto è nato a partire dall’articolo 191 del Trattato Europeo, che delinea il principio di prevenzione, in base al quale le istituzioni devono avere una particolare attenzione in caso di rischi potenziali, anche se non suffragati da dati scientifici completi.

“La cooperazione con ALDA ha rappresentato uno strumento fantastico per dare espressione concreta alle nostre idee e ai nostri bisogni” ha commentato il Professor Alessandro Distante, Presidente di ISBEM, partner principale nonché supporto scientifico del progetto.

L'ALDA - Associazione delle Agenzie della Democrazia Locale è una organizzazione non governativa che ha per obiettivo la promozione dei temi della cittadinanza attiva, della democrazia partecipata e della stabilità anche attraverso la diffusione di buone pratiche di cooperazione decentrata.

 

Per maggiori informazioni consulta il sito dell’ALDA