Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

 

Riduzione di 1/5 dell'uso di energia elettrica, di tecnologie e approcci integrati che per il solo settore delle costruzioni hanno indotto un abbassamento del C02 fino al 50%: questi alcuni dei risultati raggiunti nelle 58 città di 23 diversi paesi Ue che hanno aderito all'iniziativa della Commissione europea, “Concerto”, avviata 5 anni fa.


I risultati dell'azione saranno mostrati nel corso di un forum finale organizzato il 6-7 dicembre 2010 a Bruxelles, alla presenza del commissario Ue all'energia Oettinger e dei rappresentanti delle amministrazioni comunali di Nantes, Hannover, Weilerbach e Torino.

L'attività di “Concerto”, spiegano gli organizzatori, ha interessato complessivamente una popolazione di circa cinque milioni di persone ed ha provato che l'uso di fonti di energia rinnovabili e di misure di efficienza energetica nelle costruzioni sono convenienti e compatibili con un alto standard di qualità della vita: le città aderenti a “Concerto” hanno ridotto l'equivalente delle emissioni totali di C02 di circa 30 mila abitanti.

L'iniziativa è stata incentrata sull'integrazione di fonti di energia rinnovabili e sull'uso efficiente dell'energia, compreso gli edifici ecologici che integrano le fonti di energia rinnovabili presenti in loco con la progettazione di edifici che prevedano l'uso efficiente dell'energia, la cogenerazione, ovvero la produzione combinata di calore ed elettricità e il riscaldamento urbano. Inoltre, l'iniziativa ha previsto anche la gestione intelligente della domanda, così come delle reti locali di distribuzione e di produzione decentralizzata dell'energia.

 

 

Fonte: ANSA