Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il treno della Turchia “è ancora in movimento”: con questa espressione, il ministro degli esteri belga Steven Vanackere, presidente di turno del consiglio, ha dato conto delle conclusioni dei ministri degli esteri Ue sull'allargamento che lanciano ad Ankara “un certo incoraggiamento”. “I progressi sul capitolo 8 dei negoziati dovrebbero arrivare presto”, ha detto Vanackere che ha riferito di una "unga discussione" tra i ministri su tutto il pacchetto che riguarda gli ingressi futuri nella Ue.


“Alla fine, siamo giunti ad un consenso unanime”, ha riferito soddisfatto il ministro, al suo ultimo consiglio come presidente di turno. Sulla Turchia, dove esistono posizioni diverse tra gli Stati membri, con Francia e Germania che spingono per una partnership strategica e si oppongono ad un'adesione, “si chiede che il processo continui sulla base del merito”. Resta però il fatto che il semestre di presidenza belga di turno della Ue si chiuderà senza una conferenza intergovernativa tra la Ue e la Turchia: pertanto non ci sarà l'apertura di nuovi capitoli negoziali.

“Non è un passo indietro”, ha rilevato Vanackere. “Non è una cosa terribile, è solo una cosa coerente con i meriti, perché come ho detto il processo andrà avanti secondo i meriti. Per la Turchia, è come avere ancora l'auto in strada anziché in garage”. Forte incoraggiamento, “senza ambiguità”, è stato confermato dai ministri per i paesi dei Balcani occidentali. I 27 hanno concordato in particolare, di concedere al Montenegro lo status di paese candidato: la decisione sarà ratificata dai leader della Ue, nel vertice di oggi e domani.

Mentre per la Croazia “la fase finale dei negoziati è a portata di mano”, ha annunciato Vanackere, “anche se c'è ancora molto lavoro da fare”. La conferenza intergovernativa del 22 dicembre prossimo “dovrebbe rilevare altri progressi fatti da Zagabria su nuovi capitoli, in particolare quello della concorrenza”. Sull'Islanda, le conclusioni del consiglio insistono affinchè “l'integrazione sia totale” ed includa quindi anche il capitolo spinoso della pesca.

 

 

Fonte: ANSA