Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione europea ha lanciato due consultazioni online, in materia di ambiente, che si chiuderanno a metà febbraio.  La prima riguarda il futuro strumento finanziario destinato all'ambiente, che subentrerà a LIFE+ alla sua scadenza, a fine 2013. La seconda è relativa al finanziamento di Natura 2000, la rete di aree protette dell'Ue.


Per quanto riguarda lo strumento finanziario Life+, vengono sollecitati pareri in materia di obiettivi, priorità e modalità di finanziamento. Sono particolarmente benvenuti i contributi provenienti dalle amministrazioni nazionali, regionali e locali, dalle parti interessate attive nel settore dell'ambiente, dal settore privato e dai cittadini. Nell'annunciare l'iniziativa Bruxelles ha indicato che terrà conto dei risultati nel formulare una proposta per il nuovo strumento finanziario.

Le conclusioni della seconda consultazione, relativa al finanziamento della rete Natura 2000, saranno incorporati in una comunicazione prevista per l'estate 2011, incentrata sulla valutazione dell'attuale impostazione per il finanziamento della rete. Bruxelles desidera ricevere opinioni provenienti da autorità pubbliche, dal settore privato, dalle parti in causa attive nel settore dell'ambiente e cittadini interessati.

Approfondimenti:
Consultation on a future EU financial instrument for the environment (continuation of LIFE+)
Consultation on Future EU co-financing of Natura 2000

 

 

Fonte: ANSA