Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Entro il prossimo giugno la Commissione europea dovrà presentare al Consiglio la lista delle infrastrutture energetiche necessarie per completare l'interconnessione di tutti i Paesi Ue entro il 2014, nonché delle risorse finanziarie occorrenti. È quanto hanno deciso i leader Ue nel corso del Consiglio europeo che inizialmente doveva essere dedicato solamente ai temi della sicurezza energetica e dell'innovazione.


In particolare, la Commissione dovrà individuare quelle opere indispensabili a completare la rete Ue ma che non sono in grado di essere finanziate totalmente con risorse provenienti dal mercato. Per queste opere, l'Unione potrebbe intervenire con fondi provenienti dal proprio bilancio, operazioni di project financing e prestiti Bei.

Nelle conclusione del summit si ricorda anche che ''tutti i Paesi, dal gennaio 2012, sono invitati a dare notizia alla Commissione di tutti i nuovi accordi, nonché di quelli già esistenti, con Paesi terzi''.

 

 

Fonte: ANSA