Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Parlamento europeo auspica che i negoziati di adesione con il Montenegro possano iniziare quest'anno ed in una risoluzione (approvata a larga maggioranza) ha accolto con favore i ''buoni risultati ottenuti nell'attuazione di riforme economiche ed il consenso generale sull'integrazione europea e l'alta priorità attribuita dai partiti a tale questione'', in particolare per l'instaurazione di un quadro giuridico e costituzionale del Montenegro.


Secondo la risoluzione permane il problema della corruzione che ''resta preponderante in numerosi settori, specialmente in quelli dell'edilizia, delle privatizzazioni e degli appalti pubblici''. Sul fenomeno si era soffermato anche il premier del Montenegro, Igor Luksic, incontrando il presidente della Commissione europea, Jose' Manuel Barroso: ''Per sradicare completamente problemi come quello della corruzione saranno necessari anni. I prossimi 4-5 mesi saranno pero' sufficienti per mostrare il nostro impegno sul quanto ci ha chiesto l'Ue''. Da parte sua Barroso ha spiegato che ''il Montenegro e' sulla buona strada per l'adesione. Non prendiamo impegni su nessuna data. Certamente saremo equi, oltre che severi e rigorosi, nelle valutazioni dei progressi fatti dal Paese''.

 

 

Fonte: ANSAmed