Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso e il commissario Ue all'Allargamento, Stefan Fule, saranno in visita nei Balcani occidentali. In questa occasione incontreranno i leader politici, rappresentanti della società civile e studenti universitari della regione. Il viaggio comincerà giovedì 7 aprile da Zagabria, per fare poi tappa venerdì 8 aprile a Sarajevo e Podgorica. Sabato 9 aprile sarà infine la volta di Skopje.


L'Albania, dove Fule è già stato lo scorso 30 marzo, non risulta nel programma. L'obiettivo in Croazia, prima tappa della visita, sarà quello di dare la spinta decisiva al governo per il rush finale verso la fine dei negoziati di adesione, che dovrebbe arrivare entro giugno, nell'ambito del semestre della presidenza ungherese dell'Ue.

In Bosnia il presidente della Commissione europea farà quindi un nuovo appello perchè venga superato lo stallo politico nel paese, che blocca di fatto qualsiasi prospettiva di integrazione europea. Il messaggio per Podgorica invece sarà quello di portare avanti il lavoro di riforme necessario, in vista di una futura apertura dei negoziati di adesione all'Ue, mentre a Skopje l'appello sarà quello a superare le divergenze con Atene sulla questione del nome del paese.

Per il presidente della Commissione Ue, Jose' Manuel Barroso, si tratta della prima visita nella regione dall'inizio del secondo mandato.



Fonte: ANSAmed