Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Dal rapporto tra politiche sociali e religione nel Medio Oriente al femminismo islamico, dalla violenza di genere all'impatto della crisi economica sull'area Mena, dall'immigrazione ai suoi impatti sulle strutture familiari. Sono i temi al centro del 12° convegno di Studi sul Mediterraneo, organizzato dall'Istituto universitario europeo di Fiesole (Firenze), in programma fino al 9 aprile a Montecatini Terme.


Il Mediterranean research meeting 2011 si articola in 15 workshop, all'interno dei quali studiosi di varie nazionalità presenteranno le loro ricerche. Il Mediterranean Research Meeting, creato nel 1998 per promuovere la ricerca sul Medio Oriente e Nord Africa e sulle relazioni con l'Unione Europea, è divenuto, sottolinea una nota, uno dei più importanti convegni internazionali di studio sul Medio Oriente.

Nel corso degli anni ha fatto dialogare migliaia di esponenti politici ed amministrativi delle due sponde del Mediterraneo, nonchè studiosi, esperti e funzionari internazionali, esponenti di think tank, centri di ricerca. I dibattiti hanno permesso di diffondere i risultati in circa 90 working paper e molte pubblicazioni del Robert Schuman Center.

L'organizzazione del convegno è stata resa possibile anche grazie al contributo del Campus Mare Nostrum - Università di Murcia e della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.

 

 

Fonte: ANSAmed