Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

''E' fissato per il 19 aprile a Bruxelles il prossimo round della conferenza di adesione della Croazia e ci aspettiamo la chiusura di due nuovi capitoli dei negoziati''. Lo ha detto Miroslav Lajcak, il direttore del servizio europeo dell'azione esterna per i Balcani occidentali, in occasione di un'audizione al Parlamento europeo. Zagabria è sempre più vicina alla fine del percorso verso Bruxelles, per il quale sarà necessario chiudere anche gli ultimi cinque capitoli dei negoziati.


Nell'ambito del processo in corso, ''il capitolo più sensibile è quello della giustizia e dei diritti fondamentali'', ha aggiunto Lajcak, confermando come sia questo lo scoglio più duro da superare per Zagabria, che rischia di non riuscire a concludere i negoziati entro giugno. ''Il presidente della Commissione Ue, Jose' Manuel Barroso – ha spiegato Lajcak - nel corso della sua recente visita ha fatto appello al primo ministro croato, Jadranka Kosor, e al presidente della Repubblica, Ivo Josipovic, perche' proseguano gli sforzi''.

Secondo il direttore della Commissione europea ''il governo e' fortemente impegnato e lavora duro per la conclusione dei negoziati di adesione''.
Sullo scarso entusiasmo della popolazione verso la prospettiva europea del paese, per Lajcak ''ora il clima e' costruttivo, le persone hanno capito che non e' una cosa facile diventare membro dell'Ue''.

 

 

Fonte: ANSAmed