Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

"Sono i leader e le popolazioni della regione a possedere la chiave dei tempi del loro futuro europeo". È quanto ha detto il presidente della  Commissione Ue, Josè Manuel Barroso, alla vigilia di una nuova visita nella regione dei Balcani occidentali. Dopo il primo viaggio compiuto all'inizio di aprile in Croazia, Bosnia, Montenegro e Macedonia, la tappa prevista per oggi è Belgrado, mentre per il 20 maggio in agenda quelle di  Pristina e Tirana.


Ad accompagnarlo sarà il commissario Ue responsabile del dossier allargamento, Stefan Fule. Oltre ad ''incoraggiare i partner ad accelerare le riforme'', Barroso rinnoverà l'impegno dell'Ue per una prospettiva europea dei paesi della regione. ''Il 2011 è un anno di opportunità per l'allargamento - aggiunge Fule - e per tutti i Balcani occidentali. Molto può essere fatto se i nostri partner rispondono alle aspettative dei loro cittadini e realizzano le riforme''. ''La Commissione europea - ha concluso - è qui per guidare e aiutare. I nostri partner possono contare su di noi''.

 

 

Fonte: ANSAmed