Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Sono diventate 78 le proposte rimaste in gara per aggiudicarsi i fondi del programma europeo ''Ner 300'', che finanzia progetti dimostrativi su larga scala di tecnologie innovative dal punto di vista ambientale come quella della cattura e lo stoccaggio del carbonio (Ccs), ma anche con energie rinnovabili. Alla 1a fase di selezione del bando, compiuta da 25 Stati membri inclusa l'Italia, hanno partecipato oltre 150 progetti e ora i finalisti saranno esaminati alla Banca europea di investimenti.


Secondo i dati forniti dalla Commissione europea, sono 13 le proposte ancora in gara per la tecnologia Ccs e 65 quelle relative alle nuove tecnologie per le fonti di energia rinnovabile. Di queste ultime, 23 si occupano di bioenergia, 15 di eolico, 9 di solare a concentrazione, 8 di energia dagli oceani, 4 sono dedicate al fotovoltaico, mentre tre risultano quelle che interessano il geotermico e tre la gestione di rinnovabili distribuite.

Alla fine della selezione, il progetto europeo ''Ner 300'' conta di dare risorse ad almeno 8 progetti di Ccs e circa 34 per l'energia pulita. A ciascuno Stato membro tocchera' almeno un progetto, fino ad un massimo di tre. Il programma prende questo nome perche' viene finanziato dalla vendita di 300 milioni di permessi di emissioni nell'ambito del mercato europeo dell'Ets.

 

 

Fonte: ANSA