Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

''L'educazione alla pace è l'educazione alla complessità, al mondo e a tutte le sue realtà. Significa mettere in relazione diverse culture, che non sono una minaccia ma una ricchezza". Lo ha detto il presidente della giunta regionale pugliese, Nichi Vendola, rivolgendosi a studenti ed insegnanti di 57 istituti scolastici che nel Teatro Petruzzelli, a Bari, sono intervenuti al Forum della pace, della giustizia e della responsabilità.


“Credo, come diceva Elsa Morante, che c'è speranza per il futuro se i ragazzini e le ragazzine di oggi riescono a cambiare e a liberare il nostro vocabolario da tutte le radici di violenza e di guerra che da sempre hanno accompagnato il nostro cammino – ha continuato Vendola – La mission educativa della scuola è fondamentalmente l'educazione alla pace. Da parte nostra abbiamo provato a fare della Puglia un'arca di pace''.

L'incontro tenuto a Bari nei giorni scorsi è il sesto 'Forum dei Valori' dopo quelli tenuti a Matera, Riccione, Senigallia, Padova e Trento. ''Un percorso nazionale improntato a riscoprire – ha spiegato Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace - il significato autentico di quei valori costituzionali che nella vita quotidiana sono spesso banalizzati, manipolati o messi da parte. La scuola oggi restituisce una piccola ma importantissima parte del lavoro che viene svolto tutto l'anno; una scuola su cui vogliamo investire sempre di piu' per uscire da una grave crisi che non è solo economica ma anche culturale e morale''.

 

 

Fonte: Ansa