Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Comitato delle regioni Ue ha approvato un parere sul ruolo degli enti locali e regionali nella promozione di una gestione sostenibile dell'acqua di cui è stato relatore Nichi Vendola. Il parere - ha spiegato il Presidente della Regione Puglia - mette a fuoco il tema dell'acqua “come bene comune e diritto universale inalienabile, non negoziabile che integra il diritto alla vita. Sostanzialmente rimette al centro dell'Europa una nuova politica dell'acqua”.


Cuore del parere è la consapevolezza della centralità del ciclo dell'acqua. Il ruolo delle autorità locali e regionali, si legge nel testo, deve essere quello di ''diffondere maggiormente la consapevolezza della centralità del ciclo dell'acqua con l'obiettivo di incentivare lo sviluppo di soluzioni efficaci e condivise per l'adattamento ai cambiamenti climatici''.

Il parere propone tra l'altro la trasformazione dell'attuale Osservatorio europeo della siccità in un Osservatorio idrico europeo, con l'ampliamento delle competenze alla raccolta, validazione e omogeneizzazione delle informazioni ambientali, ora anche disponibili grazie al lancio di nuove piattaforme di monitoraggio a scala europea.

 

 

Fonte: ANSA