Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Grazie all'assistenza della Protezione civile italiana anche l'Albania potrà avere adesso un sistema di previsione e di allerta per prevenire gli incendi e le alluvioni. In una cerimonia organizzata a Tirana, alla quale era presente anche il capo del dipartimento della protezione civile italiana, il prefetto Franco Gabrielli, sono stati inaugurati quattro centri operativi, due a Tirana e altri due nel nord, a Scutari e Lezha. 


''Adesso l'Albania può emettere bollettini alla pari di quelli nostri'', ha spiegato il prefetto Gabrielli. ''La protezione civile italiana ci ha offerto un servizio dagli standard europei", ha affermato da parte sua il ministro albanese degli Interni Bujar Nishani, nel suo intervento alla cerimonia alla quale era presente anche l'ambasciatore d'Italia a Tirana Saba D'Elia.

Nel 2010, l'allora Sottosegretario alla Protezione Civile, Guido Bertolaso ed il vice ministro dell'Interno albanese Ferdinand Poni siglarono una Lettera d'Intenti che sancì la collaborazione fra le parti nel settore di protezione civile. Mentre nel settembre dello stesso anno venne raggiunto l'accordo tecnico relativo alla Prevenzione degli Incendi Boschivi e delle Alluvioni. "La cerimonia dimostra che siamo passati ai fatti concreti", ha sottolineato Gabrielli aggiungendo che l'evento di Tirana rappresenta anche "l'inizio della settimana italiana del volontariato di protezione civile", nell'ambito dell'anno europeo del volontariato.

 

 

Fonte: ANSA