Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

“La crisi finanziaria della zona euro non metterà a rischio il processo di allargamento della Unione europea – ha detto il cancelliere tedesco, Angela Merkel, in un'intervista alla Tv pubblica croata in occasione della sua visita in Croazia e in Serbia – Anche se la Grecia, il Portogallo e l'Irlanda hanno delle difficoltà, non priveremo gli altri Paesi della loro prospettiva europea”.


Merkel ha poi sottolineato che i tempi di avvicinamento dei Paesi balcanici alla Ue dipenderanno “dal loro rispetto dei criteri di Bruxelles”. “È importante che la Serbia cooperi con il Kosovo; la Bosnia ha bisogno di un nuovo governo centrale e la Macedonia dovrà risolvere la disputa con la Grecia riguardo al suo nome'', ha precisato.

Il cancelliere tedesco, in visita a Zagabria, ha ribadito la prospettiva europea dell'intera regione dei Balcani occidentali, invitando a prendere come esempio la Croazia. ''L'esempio della Croazia dimostra che tutti i paesi di questa regione possono e sono in grado di divenire membri a pieno titolo dell'Unione europea'', ha detto Merkel al termine dei colloqui avuti con il premier croato Jadranka Kosor e con il presidente Ivo Josipovic. E' necessario tuttavia, ha sottolineato, soddisfare le condizioni richieste per l'adesione. La Croazia ha concluso con successo a fine giugno il negoziato di adesione alla Ue, alla quale aderirà a pieno titolo il primo luglio 2013.

''Noi vogliamo che anche gli altri paesi dei Balcani occidentali abbiano una prospettiva europea'', ha affermato il cancelliere tedesco, che con il presidente Josipovic ha concordato sul fatto che pace e stabilità nel sudest Europa sono possibili a condizione che tutti i paesi della regione abbiano una prospettiva europea. ''Le buone relazioni nella regione e il suo futuro europeo sono i nostri obiettivi strategici. L'Europa non sarà completata senza i paesi della regione balcanica'', ha detto il presidente Josipovic. Merkel da parte sua ha insistito sulla necessità di una normalizzazione delle relazioni fra i paesi della regione, e ha invitato a questo riguardo la Serbia a migliorare i rapporti con il Kosovo.

 

 

Fonte: ANSA