Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si apre giovedì 10 novembre, la due giorni di lavori del Club di Venezia, l'organismo informale che riunisce i responsabili della comunicazione istituzionale degli Stati dell’UE (membri e candidati) e delle istituzioni europee (Commissione, Parlamento e Consiglio). Membro per l'Italia è il Dipartimento Politiche Europee, responsabile nazionale del coordinamento della comunicazione sull'Europa.


La sessione, che si apre alle ore 9.30 presso la Biblioteca Marciana di Venezia, sarà dedicata al tema della "Comunicazione pubblica in Europa: sfide, successi, prospettive". Verrà presentato “Nuovi talenti per l’Europa”, il progetto promosso dalla RAI e dalle istituzioni italiane ed europee, rivolto al pubblico giovane per premiare il video che meglio promuove i valori della cittadinanza europea. A dare l'avvio dei lavori saranno Stefano Rolando, fondatore e presidente onorario del Club, e il coordinatore Mike Granatt, già direttore dei Servizi d'Informazione governativi a Londra.

Sono previsti, tra gli altri, gli interventi del Sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, del Segretario di Stato polacco per l’informazione europea, Ian Borkowski, e del Ministro per le Politiche Europee, Anna Maria Bernini. Tra i temi che saranno approfonditi nella conferenza, “Nuovi sviluppi nella comunicazione web e l’impatto delle nuove tecnologie” e “Strategie di comunicazione in tempi di disordini: la crisi globale economico-finanziaria, le rivolte geopolitiche nell’area del Mediterraneo”.