Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il processo di allargamento ''fa parte del Dna'' dell'Unione europea ed è importante che vada avanti, nonostante le difficoltà che possono essere causate dalla crisi economica. A parlare è Stefano Sannino, capo della direzione generale Allargamento della Commissione europea, intervenuto a un dibattito a Bruxelles organizzato dalla "Think Tank European Policy Center".


Secondo Sannino “la prospettiva di adesione all'Ue per i Paesi dei Balcani occidentali dev'essere chiara e credibile”. Si tratta di un percorso ''importante per il futuro della regione, ma più in generale per tutta l''Unione''. Il processo di allargamento, ha aggiunto, ''porta a effetti di stabilizzazione nell'area balcanica e ha un forte potere di trasformazione dei Paesi interessati''. Gli Stati candidati all'adesione ''sono infatti incentivati a portare avanti le riforme'', a partire dalla lotta contro la corruzione e dal miglioramento della pubblica amministrazione.