Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Importante novità per realizzare un'Europa più verde e più pulita: i commissari Ue all'ambiente Janez Potocnik e al clima Connie Hedegaard, hanno riunito i loro sforzi, e le loro risorse finanziarie, per proporre agli Stati membri e al Parlamento europeo, un nuovo programma Life 2014-2020, dotato di 3,2 miliardi di euro. Il nuovo programma si fonderà sull'esperienza positiva del programma Life+ ma, assicura Bruxelles ''sarà riformato in modo da essere più incisivo, semplice e flessibile con una dotazione di bilancio significativamente superiore''.


Così, il programma Life, che da sempre punta a facilitare l'integrazione delle questioni ambientali nelle altre politiche europee, contribuendo allo sviluppo sostenibile, dal 2014 verrà esteso per la prima volta anche ad azioni a favore del clima. Nella nuova proposta congiunt,a l'elemento finanziario ha un'importanza rilevante in quanto permetterebbe, tra l'altro, alle azioni sul clima, di triplicare i fondi a sostegno delle piccole e medie imprese (Pmi). Ma la grande novità è forse la possibilità di creare progetti integrati: ad esempio, con interventi per la città, a cui partecipa il settore privato, che possono andare dal miglioramento dell'efficienza energetica delle abitazioni alla creazione di maggiore spazi verdi.

Nella proposta ai 27 governi e agli eurodeputati, Potocnik e Hedegaard ricordano che ''le sovvenzioni di finanziamento dei progetti continueranno a costituire il principale tipo di intervento del programma''. Inoltre, le stesse sovvenzioni ''a favore di organizzazioni non governative e altri organismi, continueranno ad essere possibili e vi saranno anche margini per erogare contributi a strumenti finanziari innovativi''. Nel lanciare la nuova iniziativa, Potocnik sottolinea che ''il programma Life è fondamentale per realizzare una migliore politica ambientale, e le nuove modifiche hanno come obiettivo di aumentare l'impatto del programma e ad attirare risorse in modo integrato da altre fonti di finanziamento''. Nel nuovo programma - aggiunge a sua volta la commissaria Hedegaard - non solo ''verranno triplicati i fondi per il clima, ma saranno sostenuti anche progetti su piccola scala realizzati da Pmi, Ong e autorità locali''.