Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Una medaglia d'argento del presidente della Repubblica e un convegno per rilanciare la formazione dei giovani che vivranno davvero il Mediterraneo nei prossimi anni. Questi i due temi al centro della giornata dal titolo ''Nuovo Mediterraneo'' che si è svolta nei giorni scorsi all'istituto Nautico Duca degli Abruzzi di Napoli. 


L'iniziativa della scuola napoletana, che si trova sul lungomare di Bagnoli, ha ricevuto infatti la medaglia d'argento del Presidente della Repubblica alla presenza del console di Tunisia Brahim Aouan, Tiziana Vitolo dell'istituto di studi giuridici internazionali del Cnr e Giuseppe Cataldi, ordinario di Diritto Internazionale dell'università Orientale di Napoli.

La mattinata di studi, rivolta ai circa 1000 studenti dell'istituto, è stata organizzata e coordinata da Angela Procaccini, preside dell'istituto che forma tecnici nautici, tecnici della logistica e altre professioni del mare. ''Sono professioni - ha spiegato Procaccini - in cui dobbiamo ricordare la funzione del mare come elemento di unione e non di divisione. E' fondamentale quindi trasmettere ai giovani studenti l'apertura alle diverse società che popolano il Mediterraneo, non solo dal punto di vista linguistico ma anche culturale e di apertura''. Al termine dell'incontro i relatori hanno visitato il Museo del Mare allestito all'interno dell'istituto stesso, che raccoglie modelli di navi dai gozzi del XVIII secolo alle moderne navi da guerra, e traccia una storia delle strumentazioni di navigazione dai sestanti ai moderni gps.