Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Bologna si è aggiudicata il premio della Settimana europea della mobilità per il 2011: è arrivata prima, seguita da Zagabria (Croazia) e Larnaka (Cipro), su un totale di 2.268 città che hanno partecipato lo scorso settembre alla campagna Ue per incentivare l'uso di mezzi di trasporto alternativi all'automobile.


Il riconoscimento è stato assegnato a Bruxelles  dai commissari europei all'Ambiente, Janez Potocnik e ai Trasporti, Siim Kallas. La città ha conquistato a pieno titolo il premio 2011 della Settimana europea della mobilità organizzando la Giornata senz'auto per un intero weekend, invece che per un solo giorno. Non solo. Sotto le 'Due Torri' numerose sono state le iniziative apprezzate dalla giuria di esperti europei in materia di mobilità. Tra queste, Bruxelles ricorda la realizzazione di punti di ricarica per auto elettriche e un piano per estendere le piste ciclabili fino ad un percorso complessivo di 130 km.

Ai giudici è piaciuto anche il fatto che le autorità comunali hanno invitato i cittadini a contribuire, con i loro punti di vista, al dibattito sulle opportunità di un trasporto urbano sostenibile. Giudicata positiva anche la creazione, per una intera settimana, di un ampia zona libera di auto nel cuore della città. Una zona pedonale aperta all'informazione che ha attratto oltre 60mila persone.

Nel suo intervento, il commissario all'ambiente Potocnik, ha sottolineato che ''con le città e i loro cittadini che soffrono sempre di più a causa del traffico e dell'inquinamento, non c'è mai stato un momento migliore per passare dalle auto private ad altri mezzi di trasporto. Bologna, Larnaka e Zagabria hanno trovato modi creativi per rendere le loro infrastrutture di trasporto più sostenibili''. Aggiungendo: ''spero che ispireranno altre città a fare lo stesso''. Anche il commissario ai trasporti Kallas ha tenuto a precisare che ''condividendo l'esperienza sulla mobilità alternativa, le città europee possono attuare le ipotesi più attraenti ed affidabili, con un impatto positivo sulla nostra qualità della vita''.