Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Piccole e medie imprese dei paesi partner dell'Ue e del Mediterraneo: sono stati loro al centro del dibattito della decima Conferenza di Femip, il braccio finanziario della Banca europea d'investimenti (Bei). L'evento, tenutosi a Tunisi, è stato organizzato in collaborazione con il Ministero tunisino dell'Investimento e della Cooperazione internazionale insieme a Promos, l'agenzia di promozione delle Pmi della Camera di commercio di Milano.


Temi cruciali del dibattito, che ha riunito politici, esperti e imprenditori, sono stati quelli del finanziamento, della formazione e della competitività delle aziende della regione del Mediterraneo, con l'obiettivo di riuscire a sostenere l'occupazione e una crescita inclusiva tramite misure concrete e adattate alle necessità locali. Prima questione sul tavolo è quella del miglioramento e della diversificazione necessaria dei servizi finanziari destinati alle Pmi e micro-imprese. Bei su questo fronte sta studiando ''misure concrete'', ad esempio creare uno strumento di garanzia per incoraggiare le banche locali a finanziare le piccole e medie aziende.

Un altro capitolo è quello della formazione tecnica e manageriale sia degli imprenditori che delle istituzioni finanziarie locali, un campo nel quale la Bei è molto attiva con i suoi progetti di assistenza tecnica. Per tutte le Pmi della regione la sfida rimane la stessa: l'innovazione nei metodi di produzione, distribuzione e marketing, per riuscire ad accedere a nuovi mercati.