Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Marocco gioca "un ruolo chiave e fruttuoso'' nello spazio euromediterraneo. Lo ha detto il presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, durante una conferenza stampa a Rabat, in occasione della sua visita ufficiale nel Regno, la prima fuori dall'Unione Europea. "Le relazioni solide e di lunga durata esistenti fra il Regno e l'Unione Europea - ha continuato Schulz -  sono improntate sul rispetto reciproco e sugli interessi strategici comuni".

Per il presidente del parlamento europeo, il Marocco gioca un ruolo importante nella riva sud del Mediterraneo e nel Maghreb e la consolidazione della cooperazione economica intramaghrebbina contribuirebbe positivamente allo sviluppo del partenariato tra Ue e Maghreb. Il Ministro degli Esteri marocchino, Saad Dine El Othmani, ha definito di grande importanza le relazioni storiche fra il Regno e l'Ue, dicendosi ''fermamente e fortemente impegnato''  a rafforzare i legami di cooperazione e collaborazione con l'Unione in tutti i settori. "Le conversazioni con il presidente del parlamento Europeo - ha proseguito El Othmani – hanno permesso di valutare i mezzi per rinforzare ulteriormente le relazioni di cooperazione, di esaminare le prospettive del partenariato fra il Regno e l'Ue e di analizzare gli ultimi sviluppi sopraggiunti sulla scena regionale ed internazionale".

Il Marocco ha scelto, fin dalla creazione dell'Unione per il Mediterraneo (UpM), di essere un attore "forte e attivo", per far prevalere i propri interessi e difendere le proprie posizioni nei differenti campi, ha affermato il Presidente della Camera dei rappresentanti marocchina Karim Ghellab, secondo il quale la costruzione dell'Unione Europea sarebbe avvenuta a scapito dei Paesi della riva sud del Mediterraneo, poiché la ripartizione delle ricchezze si sarebbe concentrata a livello interno ed elargita a quelli dell'Est Europa. Ghellab ha sottolineato come oggi, dopo l'avvio del processo di Barcellona, con l'UpM si punta sulla cooperazione fra le due rive del Mediterraneo e il rafforzamento dell'azione euro-mediterranea.