Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il meccanismo del Neighbourhood Investment Facility (NIF) dell'Unione europea, nel 2011 ha erogato 91,3 milioni di euro di contributi ai paesi partner del Sud. Lo riferisce il sito web Enpi-info.eu, secondo cui il NIF l'anno scorso ha finanziato in tutto 15 progetti ai paesi del Sud e dell'Est, per un valore di 142,3 milioni complessivi.


L'anno scorso ''è stato un test - ha detto il commissario europeo alla politica di vicinato, Stefan Fule - per la nostra cooperazione con i vicini, piena di momenti storici e sfide''. ''La direzione del NIF - ha spiegato Fule - ha concordato che il sostegno al settore privato e alla creazione di posti di lavoro deve rimanere la priorità nei prossimi anni, per affrontare la situazione economica e sociale all'origine delle rivoluzioni''. Secondo i dati annuali, NIF ha approvato nove progetti nella regione dei paesi vicini del Sud del Mediterraneo (64% dei fondi), contro i sei ai paesi dell'Est. Sette paesi, fra cui Egitto, Tunisia e Marocco, hanno beneficiato direttamente delle sovvenzioni, con un aiuto sostanziale a progetti regionali nei paesi vicini del Sud per un valore di 30 milioni di euro. Nel complesso i fondi NIF sono andati soprattutto in infrastrutture (79%) e il resto ad operazioni per lo sviluppo del settore privato.