Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il Montenegro comincerà a giugno il negoziato di adesione alla Ue. Lo ha detto il commissario europeo all'allargamento Stefan Fuele. ''L'Unione europea continua a crescere - la Croazia aderirà presto (il primo luglio 2013, ndr), la Serbia ha ottenuto lo status di paese candidato, e il negoziato di adesione con il Montenegro partirà il mese prossimo'', ha detto Fuele in un videomessaggio in occasione della Giornata dell'Europa celebrata nei giorni scorsi.


L'allargamento, ha aggiunto il commissario Ue, è nel Dna dell'Europa, è il suo potere di trasformazione che porta le riforme e i cambiamenti necessari a raggiungere gli standard europei in tutti i settori. ''La Ue non è un corpo statico, ma cresce e si allarga'', ha concluso Fuele, sottolineando come l'Unione europea continui ad essere fonte di ispirazione con i suoi valori e i suoi standard di vita.

In occasione della Giornata dell'Europa, tra l’altro, il presidente del consiglio europeo Herman Van Rompuy ha sottolineato che la prospettiva europea è l'unico modo per evitare nuove guerre nella regione della ex Jugoslavia.''Quindici anni fa vi fu una guerra civile nella ex Jugoslavia, vi fu perfino un genocidio, e l'unico modo per prevenire guerre civili in futuro è la prospettiva europea''. I paesi della regione ovviamente, ha aggiunto, ''devono soddisfare i criteri e rispettare tutte le condizioni, ma il loro futuro è nell'Europa”.