Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La cultura fa bene al progresso. È ciò di cui sono convinti ad al Hoceima, città costiera marocchina, dove dal prossimo 12 agosto torna il Festival del Mediterraneo. Il tema scelto per l'edizione di quest'anno è 'La cultura come leva di sviluppo'.  Dal 12 al 17 agosto questo appuntamento annuale, arrivato alla sua ottava edizione, proporrà un ricco calendario di concerti, conferenze e workshop.

L'obiettivo è vedere confermata l'importanza della rassegna come piattaforma d'incontro e scambio tra i paesi del Mediterraneo. In calendario, oltre a numerosi artisti marocchini, figurano nomi importanti della scena musicale della regione mediterranea, come Bilal, Bigg, il rapper Muslim e la grande star del festival, Cheb Khaled, che canterà le canzoni del suo ultimo album 'C'est la vie...'. Mentre sul coté internazionale, tra i Paesi rappresentati ci sono Francia, Spagna, Algeria, Georgia.

"Mettendo in valore i nostri artisti locali e nazionali - hanno dichiarato alla stampa locale gli organizzatiori dell'evento, membri dell'Associazione Rif per la solidarietà e lo Sviluppo (ARID) - possiamo valorizzare il patrimonio culturale locale e integrarlo in tutte le strategie di sviluppo". (ANSAmed)