Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La delegazione dell'Unione europea in Libano ha lanciato un bando per proposte mirate ad accrescere la libertà di espressione e dei media in Libano. Il riferimento per questo bando, secondo il sito web di Enpi (www.enpi-info.eu), è EuropeAid/134581/L/ACT/LB. La priorità in questo caso sarà data alle iniziative da realizzare in Libano che contribuiranno a migliorare la situazione in almeno due settori fra quelli elencati nel bando dalla delegazione.

Un intervento previsto è il sostegno ad azioni che aiutino a consolidare la libertà di espressione, inclusi i settori dell'arte e della cultura, il diritto all'informazione e alla comunicazione.

Altro ambito che interessa il bando è quello del sostegno alla società civile nel suo ruolo di 'cane da guardia' della libertà di espressione, incluso il monitoraggio, la documentazione e la denuncia di censure e autocensure, insieme al supporto di azioni che contribuiscano a consolidare la libertà di stampa, inclusi i social media e il sostegno alla protezione dei diritti dei giornalisti.

Il bando punta inoltre a sostenere il monitoraggio dell'integrità dei media e l'azione di riforma della legislazione nazionale nel settore, oltre ad aiutare a costruire le capacità necessarie per una stampa indipendente e di qualità. La scadenza per sottoporre le domande è il prossimo 7 Ottobre 2013. (ANSAmed)