Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Il ruolo crescente dell'economia globalizzata, il grande potenziale commerciale, logistico, turistico ed energetico e la posizione strategica della regione del Mediterraneo occidentale come porta d'entrata in Europa ed Africa. Sono questi i temi al centro del primo Forum Economico del Mediterraneo occidentale del 'Dialogo 5+5', in programma il 23 ottobre prossimo a Barcellona, che punta a sviluppare la cooperazione economica dei paesi della regione del Mare Nostrum.

Al forum, che si svolgerà presso la sede del segretariato dell'Unione per il Mediterraneo, al Palazzo Pedralbes di Barcellona, è prevista la partecipazione del presidente del governo spagnolo, Mariano Rajoy, e dei ministri degli esteri dei paesi aderenti al Dialogo 5+5: oltre a Spagna, Italia, Francia, Algeria, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo e Tunisia.

Il forum economico segue il vertice dei paesi del Mediterraneo occidentale che si è svolto il 5-6 ottobre dello scorso anno a Malta ed è organizzato da Portogallo e Mauritania, come paesi co-presidenti del Dialogo 5+5, dalla Spagna come paese ospite e dal Segretariato dell'Unione per il Mediterraneo, dall'Istituto Europeo per il Mediterraneo (IEMed) e dalla Casa del Mediterraneo.

Oltre ai rappresentanti istituzionali, vi prenderanno parte rappresentanti di alto livello della maggiori associazioni imprenditoriali e del lavoro dei paesi partecipanti. Una riunione preparatoria si è svolta nelle scorse settimane alla Casa Mediterraneo di Alicante, alla quale hanno partecipato una ventina di rappresentanti di ministeri e organizzazione imprenditoriali dei dieci paesi del gruppo e il segretario generale dell'Unione per il Mediterraneo, Fathallah Sijilmassi, e nella quale è stato concordato l'obiettivo di approfondire le sinergie di cooperazione economica nella regione. (ANSAmed).