Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

La Commissione europea avvierà i negoziati sull'accordo di associazione e stabilizzazione con il Kosovo "il prossimo 28 ottobre". Ad annunciarlo il commissario europeo all'allargamento, Stefan Fule, presentando all'Europarlamento il rapporto annuale sui progressi compiuti dai Paesi candidati all'adesione o aspiranti tali.

Fule ha spiegato che "la Commissione europea punta a completare questi negoziati nella primavera del 2014 e a siglare la bozza in estate, per poi sottoporlo alla firma del Consiglio e concludere l'accordo". Negli ultimi 12 mesi Pristina inoltre "ha compiuto sforzi per assicurare progressi sulla liberalizzazione dei visti" ha aggiunto il commissario Ue all'allargamento, precisando che su questo fronte "intendiamo fare rapporto nella prima metà del 2014 sui progressi".

Fule ha quindi ricordato che Pristina "deve sostenere attivamente Eulex" e non smettere di concentrare la propria azione "nel combattere il crimine organizzato e la corruzione". Il commissario europeo ha infine annunciato l'arrivo di "ulteriori fondi europei di pre-adesione (Ipa) che aiuteranno ad attuare l'accordo di aprile (con la Serbia, ndr), incluso il sostegno alle comunità serbe in Kosovo". (ANSAmed).