Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

L'Unione Europea annuncerà  domani lo stanziamento di 72 milioni di euro aggiuntivi alla Spagna, destinati a progetti per la realizzazione del Corridoio Mediterraneo, che dovranno essere eseguiti fra il 2014 e il 2015. Lo si apprende da fonti comunitarie citate dall'agenzia Efe.  I progetti contribuiranno all'espansione e l'interoperabilità dell'alta velocità ferroviaria nella penisola iberica e saranno finanziati con fondi riassegnati, che non sono stati utilizzati.

Il primo progetto, stimato in circa 4,8 milioni di euro, consiste nello studio della prima fase di adeguamento della rete ferrata delle ferrovie spagnole allo standard europeo UIC, per renderla compatibile con quella già esistente in Francia, in funzione della realizzazione del Corridoio Mediterraneo. Gli studi consentiranno la progettazione e la realizzazione della rete UIC nei tratti ferroviari fra Castellbisbal, al nordovest di Barcellona, e Murcia, con un tratto di doppia via ferrata di 340 km e uno di 230 km di binario unico.

Il secondo progetto, finanziato con 61,1 milioni di euro, è relativo ai lavori per l'installazione della rete ferroviaria UIC fra Castellbsbal e il Nudo de Vilaseca, vicino Tarragona. Contribuirà a sviluppare la inter-operabilità e la inter-modalità della rete ferroviaria spagnola, rendendo il trasporto ferroviario più conveniente economicamente per gli operatori commerciali.

Entrambi i progetti saranno realizzati con la supervisione dell'Agenzia Esecutiva di Reti transeuropee di trasporto e saranno completati nel prossimo biennio. (ANSAmed).