Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Si terrà il 23 ottobre al quartier generale dell'Unione per il Mediterraneo, a Barcellona, il primo Forum economico del Mediterraneo occidentale. All'evento sono previsti oltre 300 partecipanti dai dieci Paesi del dialogo 5+5. Il Forum, riferisce il sito web di Enpi (www.enpi-info.eu), riunirà insieme i ministri di Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia, mentre ad aprire i lavori sarà il premier spagnolo, Mariano Rajoy.

L'evento vedrà la partecipazione anche di rappresentanti delle principali aziende e delle associazioni di lavoratori del Mediterraneo occidentale, per rafforzare la cooperazione economica fra i Paesi dell'area occidentale del bacino e la regione del Maghreb.

Nato come una piattaforma di dibattito e definizione di aree concrete di cooperazione, il Forum si occuperà del ruolo del Mediterraneo occidentale in un economia globale, della cooperazione economica fra Europa, Maghreb e Africa sub-sahariana, servizi pubblici e sviluppo urbano sostenibile, piccole e medie imprese come volano di crescita, finanziamenti di progetti per lo sviluppo, arbitrato Mediterraneo.

La riunione è organizzata da Portogallo e Mauritania, in qualità di copresidenti del dialogo 5+5, dal segretariato dell'Unione per il Mediterraneo, European Institute of the Mediterranean (IEMed) e Casa Mediterráneo. (ANSAmed)