Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa uso di cookie (tecnici e analitici ad essi assimilabili) per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Oltre ai precedenti il presente sito contiene componenti di terze parti (Google maps, Facebook, Issuu, Twitter, Youtube) che utilizzano cookie di profilazione a fini pubblicitari per i quali è necessario prestare il consenso. Può conoscere i dettagli cliccando sul pulsante "Cookie Policy". Proseguendo nella navigazione nel sito si accetta l'uso di tutti i cookie di terze parti precedentemente elencati.

Da oggi a Pancevo, cittadina della Vojvodina situata a 20 km da Belgrado, si respirera' un'aria piu' pulita grazie alla realizzazione del progetto di piattaforma sperimentale per la mobilita' sostenibile ad emissioni zero, finanziato dalla Cooperazione italiana del Ministero degli Affari Esteri e gestito dalla Regione Emilia Romagna.

"La mia presenza oggi testimonia il sostegno che il Governo italiano intende dare anche nel futuro alle iniziative che nascono a livello decentrato. Esse costituiscono uno strumento efficace di cooperazione tra due Paesi che vivono un momento di grandissima intensita' in tutti i settori" - ha dichiarato l'Ambasciatore d'Italia in Serbia, Giuseppe Manzo, partecipando alla cerimonia di inaugurazione del progetto.

"Con attrezzature italiane di avanzata tecnologia - ha proseguito l'Amb. Manzo - ci auguriamo che il progetto tra la Regione Emilia Romagna e la citta' di Pancevo possa essere un modello per continuare a migliorare la qualita' della vita in questa zona della Serbia e non solo".

Il progetto di cooperazione in campo ambientale "Obiettivo aria pulita!", frutto di un'intesa tra la Regione Emilia Romagna, la Provincia di Ravenna e la Citta' di Pancevo, ammonta a circa 300.000 euro. Esso consiste nella realizzazione di un'isola per la mobilita' sostenibile ad emissioni zero nel centro di Pancevo. L'isola e' dotata di una colonnina alimentata da pannelli fotovoltaici e pale micro-eoliche per la ricarica di veicoli elettrici (una vettura di grandi dimensioni, due vetture biposto e quattro biciclette a pedalata assistita) donati dall'Italia. (ANSAmed).